Attività commerciali, news ed eventi a Santarcangelo di Romagna.

Logo Santarcangelo di Romagna Online
 

Le attrattive di Santarcangelo di Romagna 

Mostra tutto  |   Mostra solo la cartina  |   Mostra solo le attrattive
Opera civileOpera civile
Monumento religiosoMonumento religioso
MuseoMuseo
Punto di interessePunto di interesse
Sito archeologicoSito archeologico
Edificio pubblicoEdificio pubblico

Nascondi/mostra la legenda
Rocca Malatestiana a Santarcangelo

Rocca Malatestiana

Eretta dalla famiglia Malatesta, prese la forma che ancora oggi la caratterizza nell'anno 1447.
1
Torre del Campanone a Santarcangelo

Torre del Campanone

Alta 25 metri, fu innalzata nel 1893. È sormontata da un segnavento rappresentante San Michele Arcangelo.
2
Porta del Campanone Vecchio a Santarcangelo

Porta del Campanone Vecchio

Rappresenta il più antico accesso alla fortificazione costruita originariamante sul colle Giove.
3
Porta Cervese a Santarcangelo

Porta Cervese

È l'ingresso alla strada che anticamente collegava Cervia a Santarcangelo di Romagna.
4
Fontana di Tonino Guerra a Santarcangelo

Fontana di Tonino Guerra

Ideata dallo stesso compianto poeta, si trova all'ingresso di Campo della Fiera.
5
Pieve di San Michele Arcangelo

Pieve di San Michele Arcangelo

È l'edificio religioso più antico di Santarcangelo di Romagna. Venne costruito dai bizantini.
6
Arco di Papa Clemente XIV a Santarcangelo

Arco di Papa Clemente XIV

Costruito nel 1769 in onore di Lorenzo Ganganelli, divenuto Papa quell'anno, fu progettato dall'architetto Cosimo Morelli.
7
Chiesa della Collegiata a Santarcangelo

Chiesa della Collegiata

Elegante ed imperiosa, la chiesa fu costruita fra il 1744 ed il 1758. Contiene al suo interno un'opera del Cagnacci.
8
Celletta Zampeschi a Santarcangelo

Celletta Zampeschi

Si tratta di una piccola chiesa sconsacrata situata in via della Cella. Caratteristica la sua facciata.
9
Convento dei Cappuccini di Santarcangelo

Convento dei Cappuccini

Il convento dei Frati Cappuccini è collocato in una posizione che vanta una bellissima vista panoramica.
10
Museo Etnografico (MET) di Santarcangelo

Museo Etnografico (MET)

La struttura conserva le testimonianze delle tradizioni di un intero popolo e del territorio da questo occupato.
11
Museo Storico Archeologico (MUSAS) di Santarcangelo

Museo Storico Archeologico (MUSAS)

Custodisce i reperti archeologici e le ricchezze artistiche di Santarcangelo di Romagna.
12
Museo del Bottone di Santarcangelo

Museo del Bottone

Attraverso 10.500 esemplari di bottoni racconta la storia del Paese dal punto di vista sociale, politico e culturale.
13
Antica Tintoria Marchi di Santarcangelo

Antica Tintoria Marchi

Nella bottega viene custodito il mangano, un antico strumento usato per effettuare stampe su tela.
14
La più famosa pescheria di Santarcangelo

Pescheria

Progettata dall'ingegnere santarcangiolese Eustacchio Maggioli, ospita il più importante mercato del pesce della cittŕ.
15
Lo sferisterio di Santarcangelo

Sferisterio

Sede del gioco del bracciale, una specie di baseball primordiale, le origini di questo luogo risalgono al XIX secolo.
16
Le grotte tufacee di Santarcangelo

Grotte tufacee

Sono nel complesso circa 150 ipogei. Anticamente vennero sfruttati in vario modo (cantine, rifugi, tombe).
17
Il Palazzo Comunale di Santarcangelo

Palazzo Comunale

Realizzato tra il 1848 ed il 1859, la sua progettazione si deve a Giovanni Benedettini, noto architetto.
18

Tutti i monumenti, i luoghi d'interesse ed i musei del borgo santarcangiolese  

1

Rocca Malatestiana

Così come avvenuto per molte altre rocche erette in Romagna, anche la costruzione della Rocca Malatestiana di Santarcangelo si deve alla famiglia Malatesta.
A caratterizzare la struttura, che assunse la sua forma attuale nel 1447, è una torre del secolo XIV.

^ Torna alla cartina
2

Torre del Campanone

Eretta nel 1893 nel centro del borgo medievale, la Torre del Campanone è alta 25 metri e rappresenta il cuore delle contrade di Santarcangelo di Romagna. È un importante punto di riferimento per chi visita la città, poiché possiede un'altezza che la rende sempre visibile.
Sotto il profilo estetico ed architettonico, è stata costruita in stile neogotico, con merlatura in alto. L'immagine di San Michele Arcangelo indicante la direzione del vento, realizzata in ferro battuto a mano, corona la sua sommità.
L'ingresso al suo interno non è consentito.

^ Torna alla cartina
3

Porta del Campanone Vecchio

Creata intorno al secolo XI - XII, costituisce l'accesso più antico della prima fortificazione edificata sopra il colle Giove. In origine sorreggeva una torre campanaria, poi abbattuta dalla popolazione nel 1880, poiché ritenuta fatiscente. Presso la porta sono tuttora visibili le rovine della prima cinta muraria.

^ Torna alla cartina
4

Porta Cervese

Nota anche come Porta del Sale (poiché introduce alla via che un tempo metteva in collegamento Santarcangelo di Romagna con Cervia, famosa città salinara), risale al secolo XIV - XV.
Rappresenta il solo accesso rimasto della seconda cinta muraria, fatta costruire dalla famiglia Malatesta per proteggere meglio la città.

^ Torna alla cartina
5

Fontana di Tonino Guerra

La fontana ideata da Tonino Guerra, forse il più illustre cittadino di Santarcangelo di Romagna, sorge all'ingresso del parco Campo della Fiera. Essa è costituita da due differenti fontane (quella dei fiori di pietra e quella del prato sommerso), mentre al centro trova spazio una composizione realizzata dall'artista Fausto Baldessarini e formata da quattro sculture in vetro.

^ Torna alla cartina
6

Pieve di San Michele Arcangelo

Fino alla metà del XVIII secolo è stato l'edificio religioso più importante del territorio.
Creato dai bizantini, è il luogo di culto più antico della città.

^ Torna alla cartina
7

Arco di Papa Clemente XIV

Venne eretto dagli abitanti di Santarcangelo di Romagna nel 1769, anno in cui il concittadino cardinale Lorenzo Ganganelli fu eletto Papa col nome di Clemente XIV, e costituisce l'accesso a Piazza Ganganelli.
Progettato da Cosimo Morelli, architetto imolese, fu terminato tre anni dopo la morte del pontefice, avvenuta nel 1777. Oggi è conosciuto anche come Arco dei Becchi o Arco dei cornuti, poiché ogni 11 novembre in occasione della festa di San Martino, patrono di Santarcangelo di Romagna, sotto ad esso vengono fissate delle corna:. Se, passando sotto ad esse, queste si muovono, secondo la tradizione vuol dire che si è cornuti.

^ Torna alla cartina
8

Chiesa della Collegiata

Innalzata tra il 1744 e il 1758 per mano dell'architetto della Cattedrale di Ravenna, Giovan Francesco Buonamici, la chiesa è caratterizzata da un interno raffinato e maestoso, con forme che rievocano le scuole bolognese e romana.
All'artista Giovan Gioseffo Dal Sole dobbiamo la pala che raffigura i santi protettori di Santarcangelo di Romagna posta nello spazio absidale, mentre il polittico importato dalla Chiesa di San Francesco, dopo la sua distruzione, e collocato a sinistra del presbiterio è opera del veneziano Jacobello di Bonomo, che l'ha realizzato nel 1385.
Fra le altre pale che ornano gli altari delle cappelle laterali, occorre menzionare quella eseguita nel 1635 da Guido Cagnacci. Nella grande cappella a destra si trova il crocifisso dipinto su tavola proveniente dalla pieve.
Notevole anche l'esterno della chiesa.

^ Torna alla cartina
9

Celletta Zampeschi

È una chiesetta sconsacrata di piccole dimensioni che sorge sulla via della Cella. La sua facciata è l'unica struttura lungo questa strada ad essere rimasta intatta nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

^ Torna alla cartina
10

Convento dei Cappuccini

Situato vicino alla Rocca Malatestiana, il convento dei Frati Cappuccini sorge in una posizione privilegiata, poiché gode di un'eccezionale vista panoramica.

^ Torna alla cartina
11

Museo Etnografico (MET)

All'interno del MET (Museo Etnografico degli Usi e Costumi della Gente di Romagna) sono raccolte le testimonianze del territorio e delle sue tradizioni popolari.

^ Torna alla cartina
12

Museo Storico Archeologico (MUSAS)

Collocato nel seicentesco Palazzo Cenci, al suo interno sono conservati il patrimonio artistico e quello archeologico di Santarcangelo di Romagna.

^ Torna alla cartina
13

Museo del Bottone

Il museo, unico in Italia, è costituito da tre sezioni distinte (Bottoni del 1700-1800, Storia del 1900, Curiosità dal mondo) e vanta un totale di 10.500 bottoni.
Ed è proprio attraverso questi ultimi che viene narrata la storia politica, sociale, culturale e di costume del Paese. Perché quando si verificano avvenimenti di grande rilevanza, alcuni stilisti attribuiscono loro una simbologia, che vanno ad imprimere sopra un bottone. Questo diviene così il testimone dell'evento ed un pezzo importante della storia di un popolo.
Numerosi sono ogni anno i visitatori, provenienti da tutte le parti del mondo.

^ Torna alla cartina
14

Antica Tintoria Marchi

L'intero patrimonio decorativo della Romagna, visibile ancora oggi nelle classiche tele romagnole stampate a mano, è custodito nella Tintoria Marchi, una fra le botteghe più importanti ed antiche della regione.
Qui viene conservato dal 1633 un Mangano unico al mondo, adoperato tuttora per stirare tessuti di cotone e canapa.
Il Mangano è un argano che funziona grazie alla forza dell'uomo: due operai camminano all'interno della sua ruota in legno, che ha un diametro di cinque metri; una grande pietra posta sopra due rulli lignei (subbi) viene spostata dall'argano; la tela avvolta intorno al subbo viene stirata.
Successivamente questa tela viene decorata, utilizzando stampi in legno di pero intagliati a mano ed impasti di colore (per esempio quello che si ottiene dalla ruggine del ferro).
Una volta asciutta, la tela viene immersa nell'acido, il quale fissa il colore e rende le decorazioni indelebili.

^ Torna alla cartina
15

Pescheria

È il principale mercato del pesce della città ed è aperta tutti i giorni.
Costruita nel 1829 sulla base di un progetto ideato dall'ingegnere Eustacchio Maggioli, cittadino di Santarcangelo di Romagna, presenta una struttura in mattoni con quattro grandi porte di accesso sulle quali sono ancora visibili i cancelli originali, realizzati in ferro battuto, ed i banchi di pietra della Repubblica di San Marino.

^ Torna alla cartina
16

Sferisterio

Risalente ai primi del secolo XIX, lo spazio veniva adoperato per lo svolgimento del gioco del bracciale, una sorta di baseball arcaico e rudimentale. Le mazze in possesso dei giocatori erano dotate di aculei e la palla da colpire era fatta con pelle d'asino o di scrofa.

^ Torna alla cartina
17

Grotte tufacee

Nella fascia est del colle Giove di Santarcangelo di Romagna sono scavati nell'argilla e nell'arenaria circa centocinquanta ipogei.
In passato venivano usati come cantine per conservare il vino Sangiovese (per via di una temperatura sempre al di sotto dei 12 gradi); prima ancora sono stati luoghi di culto, tombe etrusche e grotte paleocristiane.
Nel corso della Seconda Guerra Mondiale hanno offerto rifugio agli abitanti della città: in tale circostanza furono messi tutti in comunicazione fra loro.

^ Torna alla cartina
18

Palazzo Comunale

Progettato dall'architetto Giovanni Benedettini, fu costruito fra il 1848 ed il 1859. Decisiva per la sua realizzazione fu l'iniziativa di Pietro Maggioli, santarcangiolese di nascita. A lui è dedicata l'iscrizione presente sul frontone.

^ Torna alla cartina
Cosa cerchi?
  Mangiare a Santarcangelo di Romagna

Agriturismo
(2 risultati)

Bar e Caffè
(20 risultati)

Fast food, Piada e Pizza
(4 risultati)

Gelaterie
(3 risultati)

Ristoranti e Pizzerie
(19 risultati)

Mangiare
  Dormire a Santarcangelo di Romagna

Affittacamere
(5 risultati)

B&B
(9 risultati)

Hotel
(3 risultati)

Residence
(1 risultato)

Dormire
  Shopping a Santarcangelo di Romagna

Abbigliamento
(35 risultati)

Alimentari e Supermercati
(11 risultati)

Animali
(1 risultato)

Argenterie
(1 risultato)

Arredamenti
(3 risultati)

Articoli da regalo
(1 risultato)

Articoli sportivi
(1 risultato)

Artigianato
(2 risultati)

Biancheria casa
(2 risultati)

Biciclette
(2 risultati)

Bomboniere e Accessori
(1 risultato)

Cartolerie e Giocattoli
(2 risultati)

Calzature
(8 risultati)

Casalinghi
(4 risultati)

Concessionarie
(2 risultati)

Edicole e Giornalai
(1 risultato)

Elettrodomestici
(2 risultati)

Erboristerie
(1 risultato)

Ferramenta
(2 risultati)

Fioristi e Vivai
(4 risultati)

Macellerie
(3 risultati)

Neonati e infanzia
(1 risultato)

Oro e gioielli
(3 risultati)

Ottica
(1 risultato)

Panifici
(1 risultato)

Pasta fresca
(1 risultato)

Pelletterie
(3 risultati)

Profumerie
(1 risultato)

Sanitaria e Ortopedia
(1 risultato)

Strumenti musicali
(1 risultato)

Tabaccherie
(5 risultati)

Tappeti, Tende, Tessuti
(1 risultato)

Torrefazione caffè
(2 risultati)

Shopping
  Servizi a Santarcangelo di Romagna

Agenzie immobiliari
(5 risultati)

Agenzie viaggi
(4 risultati)

Assicurazioni
(14 risultati)

Assistenza disabili
(1 risultato)

Autoscuola
(2 risultati)

Autospurgo
(2 risultati)

Aziende agricole
(12 risultati)

Banche
(15 risultati)

Calzolai
(1 risultato)

Centri anziani
(3 risultati)

Edilizia e Costruzioni
(28 risultati)

Fabbri
(1 risultato)

Falegnamerie
(1 risultato)

Foto
(2 risultati)

Idraulici
(1 risultato)

Industria
(24 risultati)

Informatica e Web
(1 risultato)

Lavanderie
(1 risultato)

Logistica e Trasporti
(3 risultati)

Noleggio automobili
(2 risultati)

Officine e Meccanici
(13 risultati)

Onoranze funebri
(2 risultati)

Parrucchieri e Barbieri
(7 risultati)

PubblicitĂ 
(1 risultato)

Sindacati
(3 risultati)

Stazioni di servizio
(2 risultati)

Studi commerciali
(8 risultati)

Studi dentistici
(3 risultati)

Studi di architettura
(1 risultato)

Studi legali
(3 risultati)

Studi medici
(8 risultati)

Studi tecnici geometri
(8 risultati)

Tipografie
(1 risultato)

Veterinari
(3 risultati)

Vetrerie
(3 risultati)

Servizi
  Tempo Libero a Santarcangelo di Romagna

Arte e Cultura
(3 risultati)

Centri benessere
(4 risultati)

Piscine
(1 risultato)

Sport
(2 risultati)

Tempo Libero
Promozione speciale

La città

Santarcangelo di Romagna sorge sulla Via Emilia, non distante dal confine fra Rimini
e la provincia di Forlì-Cesena.

Situata al limite della Val Marecchia, è bagnata da due fiumi: il Marecchia, che dà il nome alla valle, e l'Uso.

Il cuore del paese è Piazza Ganganelli, famosa per l'omonimo arco trionfale eretto nel 1777 dalla cittadinanza in onore di Papa Clemente XIV (1705 - 1774), nativo del posto.

La popolazione è composta da oltre 21.000 abitanti.


 
Cerca nel sito...