Attività commerciali, news ed eventi a Santarcangelo di Romagna.

Logo Santarcangelo di Romagna Online
 

La storia di Santarcangelo di Romagna

 

Dalle origini ai giorni nostri


Santarcangelo di Romagna Santarcangelo di Romagna (in dialetto romagnolo Sant'Arcanzal, Sant'Archenzli o Sant'Arcanzul) affonda le proprie radici nell'epoca romana: le sue origini risalgono infatti a tale periodo. Gli storici datano il primo insediamento intorno al 268 a.C., subito dopo la nascita di Rimini.

Già a quel tempo la realizzazione della Via Emilia, che passa tuttora in mezzo a Santarcangelo di Romagna, portò come conseguenza un notevole aumento del commercio e la crescita esponenziale della popolazione.

Sul Colle Giove, dove ancora oggi si può distinguere la struttura tipica del borgo fortificato medievale, si trova il centro del paese antico. Le sue contrade furono fortemente segnate dal Medioevo, mentre la Rocca continua a dominare su esso, rivendicando il ruolo di baluardo della pianura circostante.

Le prime testimonianze scritte riguardanti Santarcangelo di Romagna si trovano nel Codice Bavaro, una raccolta di documenti risalenti ai secoli VIII-X e relativi ai beni posseduti dalla Chiesa di Ravenna in diverse zone del Paese. Qui si fa riferimento esplicito alla Pieve realizzata in loco nel X secolo.

Per lungo tempo assoggettata ai vescovi di Rimini e Ravenna, Santarcangelo di Romagna venne fortificata, come testimonia la sua Rocca, ed a cavallo del 1300 vide succedersi il potere cesenate con quello riminese.

Santarcangelo di Romagna fu dominata a partire dal XIII secolo dai Conti Balacchi, una famiglia antica e gloriosa sulle cui origini rimane però ancora qualche dubbio da sciogliere: secondo alcune fonti sarebbe stata infatti la stessa Santarcangelo di Romagna a dare i natali al prestigioso casato, secondo altre, meno accreditate, la stirpe proverrebbe invece da Rimini, da dove fu allontanata ai principi del XV secolo dagli storici nemici dei Malatesta. Cocenti sconfitte politiche e la scomunica inflitta da Papa Bonifacio IX al suo ultimo esponente Paolo, passato dal controllo della città alla vita di Cavaliere privato, segnarono la fine dell'egemonia dei Balacchi.

I Malatesta rimasero al potere a Santarcangelo di Romagna fino al 1462, anno in cui le truppe di Federico di Montefeltro andarono alla sua conquista, con un tremendo sacco.

Fra il 1503 ed il 1505 furono invece i veneziani a governare Santarcangelo di Romagna.

Dalla famiglia Zampeschi il regno tornò quindi ai vescovi, la cui influenza si estese fino a San Marino.

Santarcangelo di Romagna acquistò grande splendore nel '700, quando divenne papa Clemente VII, al secolo noto come Lorenzo Ganganelli. Nativo del posto, è passato alla storia perché soppresse la Compagnia di Gesù. L'arco trionfale realizzato da Cosimo Morelli e l'antistante piazza, ancora oggi fulcro della località, furono dedicati a lui.

Nel 1828 Santarcangelo di Romagna acquisisce il titolo di Città, conferitole da Papa Leone XII. Nel 1984 diventa Città d'Arte.

Oggi Santarcangelo di Romagna è uno dei comuni più estesi e suggestivi del riminese, potendo vantare una città contraddistinta da uno stretto legame con il proprio passato e con le proprie tradizioni. Il suo centro storico è vivo, ricco di belle case e palazzi curati, pregiati ristoranti e festose osterie, scalinate antiche e vie caratteristiche che sfociano in piazze sempre popolate. L'atmosfera è quella genuina e schietta di un grande borgo capace di vivere ancora con i tempi giusti, proteggendo con orgoglio il proprio patrimonio di umanità e cultura.

^ Inizio pagina

 

Sviluppo geografico: le frazioni di Santarcangelo

San Vito

San Vito

È un territorio condiviso fra Santarcangelo di Romagna, San Mauro Pascoli e Rimini; il confine fra questi tre comuni è rappresentato dalla Via Emilia, il cui tracciato ricalca quello della strada consolare romana costruita nell'antichità. Il simbolo che contraddistingue tale frazione è un vecchio ponte romano (quello che i Sanvitesi in dialetto romagnolo definiscono "e puntaz"), del quale resta una arcata. Secondo la leggenda è stato qui, e non sul ponte che sovrasta il fiume Rubicone nel comune di Savignano, che Giulio Cesare sentenziò: "Alea iacta est" (il dado è tratto).
Casale San Vito

Casale San Vito

Centro agricolo fra San Vito e Santa Giustina, la zona vanta una ricca produzione di ortaggi e frutta ed è famosa perché ospita un importante Santuario dedicato alla Madonna. Eretto nel 1593, questo venne spazzato via dalla Seconda Guerra Mondiale. Successivamente fu ricostruito, con architetture più moderne. Il luogo è ancora oggi meta di numerosi pellegrinaggi. Alla Vergine che protegge il Santuario vengono attribuiti alcuni miracoli, primo dei quali quello concesso a Sebastiano del Duro, un uomo che era stato ingiustamente imprigionato e venne liberato dopo una preghiera della moglie rivolta alla Madonna.
Santa Giustina

Santa Giustina

Questa frazione è una delle più importanti di Santarcangelo di Romagna, che per altro la condivide con il comune di Rimini. Situata a 29 metri sul livello del mare, risiedono in essa circa 430 abitanti. Sono numerosi gli alberghi che si trovano in questa località, attraversata dalla Via Emilia. Da qualche anno la passione per il calcio ha unito gli abitanti della zona con quelli di San Vito sotto la medesima bandiera, quella dell'A.S.D. Santa Giustina San Vito, un'associazione sportiva nata nel 2009.
San Michele

San Michele

Si tratta della frazione di maggiori dimensioni. Si estende tra Sant'Andrea di Poggio Berni ed i fiumi Marecchia ed Uso, circondando buona parte del centro cittadino, fino a Santa Giustina. Vanta circa 584 residenti e sorge a 62 metri sul livello del mare. La sua importanza è evidenziata dal nome che porta: San Michele è infatti il patrono di Santarcangelo di Romagna ed in suo onore ogni anno viene organizzata una fiera di grande prestigio, che riscuote sempre successo e consensi.
Sant'Ermete

Sant'Ermete

Attraversata dalla Marecchiese, l'ex-strada statale, Sant'Ermete occupa la fascia sud-orientale oltre il fiume Marecchia, da San Martino dei Mulini fino alla via Santa Cristina di Rimini, la quale corre lungo il crinale delle colline. Si tratta di un piccolissimo lembo di terra, collocato a 48 metri sul livello del mare, nel quale hanno la residenza circa 18 persone. All'interno dei propri confini la frazione riesce ad ospitare una scuola materna ed una scuola elementare.
Sant'Agata

Sant'Agata

Terra dedicata alla vergine e martire patrona di Catania, San Marino e Malta, questa frazione è nota anche come San Bartolo, dal nome dell'importante strada da cui è attraversata. Sede di una scuola elementare, Sant'Agata-San Bartolo un tempo comprendeva anche il territorio de La Giola. Quest'ultimo poi è cresciuto, acquistando sempre maggiore rilevanza, fino a distaccarsi e diventare la località a sé stante e dotata di una propria identità che tutti oggi conoscono.
La Giola

La Giola

La Giola è formata da un agglomerato di case, secondo una strutturazione, definita anche "ghetto", che è tipica delle zone di campagna. Sorge nelle vicinanze del fiume Uso, lungo la strada provinciale che porta a Bellaria. Negli anni '80 la zona era famosa per un filare di alberi che costeggiava la strada provinciale. È ancora oggi presente una chiesa di piccole dimensioni, costruita nel secolo XVIII e ristrutturata nel 2007, realizzata in onore di San Giacomo il Maggiore.
San Martino dei Mulini

San Martino dei Mulini

Da molti chiamata anche San Martino dei Molini, questa estesa fascia di terreno costeggia il fiume Marecchia dal lato sud fino a Sant'Ermete. Centro agricolo e artigianale, sorge a 49 metri sul livello del mare ed offre ospitalità ad oltre 1000 abitanti. Il toponimo fa riferimento alla mulinologia che anticamente caratterizzava la zona della Valmarecchia. Si tratta di una frazione importante come snodo stradale. All'interno del suo territorio sono infatti presenti artigiani, commercianti e agricoltori.
Ciola-Stradone

Ciola-Stradone

La frazione Ciola-Stradone è condivisa da Santarcangelo di Romagna col comune di Borghi, il quale appartiene alla provincia di Forlì-Cesena. La popolazione del posto è per la quasi totalità impegnata nell'artigianato o nell'agricoltura, in linea con quello che è il carattere distintivo della città, la cui identità è marchiata fortemente dall'impronta impressa da queste due attività dal sapore antico. La rilevanza di questi due settori per l'economia di Santarcangelo di Romagna è una testimonianza diretta del forte legame che unisce questa terra ai lavori ed alla genuinità della tradizione.
Canonica

Canonica

La frazione sorge al confine con Camerano di Poggio Berni, immersa nel verde di una ricca campagna. La maggioranza dei suoi abitanti è costituita da agricoltori, i quali producono uno squisito vino sangiovese. Meritevole di essere visitata è la splendida chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, la cui attuale struttura affonda le proprie radici nel secolo XVIII. Al suo interno sono conservate notevoli tele: fra queste, oltre a quelle realizzate da un allievo del Guercino, occorre menzionare una "Madonna" del pittore Salvatore Montanari, originario di Rimini. Di fianco alla chiesa, un chiostro quattrocentesco.
Montalbano

Montalbano

Posta a 154 metri sul livello del mare, la località ospita circa una ventina di abitanti. L'agricoltura rappresenta senza dubbio l'attività principale per l'economia della zona, un territorio che sorge sulle colline poco fuori Santarcangelo. Da questa posizione Montalbano domina le valli dei fiumi Rubicone ed Uso. Di grande qualità è la produzione vinicola, nello specifico del Sangiovese, il vino che nel corso degli anni è divenuto simbolo e orgoglio della terra di Romagna.
^ Inizio pagina

 

Cultura e sport a Santarcangelo fra passato, presente e futuro

Tonino Guerra

Artisti, autorità e personaggi di rilievo

Sono tante le personalità di fama e prestigio, impegnate in diversi campi e settori (arte, musica, spettacolo, chiesa, società, università e sport), che legano il proprio nome a Santarcangelo di Romagna. È doveroso ricordare: Tonino Guerra (sceneggiatore e poeta), Nino Pedretti (poeta), Giulio Faini (musicista e compositore), Gianni Drudi (cantautore), Giulio Turci (pittore), Paolo Carlini (attore), Fabio De Luigi (attore comico e conduttore tv), Andrea Guerra (musicista e compositore), Teresa Franchini (attrice), Raffaello Baldini (poeta), Flavio Nicolini (scrittore e sceneggiatore), Daniele Luttazzi (all'anagrafe Daniele Fabbri, scrittore satirico, attore comico e conduttore tv), Maurizio Zaccaro (regista e sceneggiatore), Chiara Baschetti (modella internazionale), Vasco Regini (calciatore), Gianni Succi (calciatore e manager), Guido Cagnacci (pittore), Nicola Pozzi (calciatore), Loris Stecca (pugile e campione del mondo "Supergallo"), Andrea Succi (giocatore di baseball e olimpionico a Barcellona '92), Maurizio Stecca (pugile, campione del mondo "Pesi Piuma" e oro olimpico a Los Angeles '84), Federico Moroni (pittore), Roberto Bizzocchi (storico), Augusto Campana (filologo), Ludovico Marini (primo sindaco della città e patriota risorgimentale), Marino Carboni (settimo presidente della ACLI), Simone Balacchi (beato), Pio di San Luigi (beato), Clemente XIV (papa).
A.S.D. Santarcangelo Calcio

Associazioni sportive

La più importante e antica squadra di calcio di Santarcangelo di Romagna è la prestigiosa A.S.D. Santarcangelo Calcio. Fondata nel 1926, attualmente milita nella Seconda Divisione del campionato di Lega Pro. Dispone di un discreto settore giovanile.
Nel basket merita di essere menzionata la A.D. Basket Angels Santarcangelo, nata nel 1978. Impegnata nel campionato di Divisione Nazionale A, possiede un settore giovanile.
Notevole rilevanza ha poi l'A.S.D. Atletica Rimini Nord Santarcangelo. È divisa in due settori: atletica e podismo. Fra i risultati ottenuti: nel 2008 le allieve conquistano il 2º posto nei campionati nazionali A3 a Bastia Umbra, nel 2010 il 1º posto regionale nel gran prix di marcia femminile, nel 2011 il 1º posto nei campionati a Sasso Marconi. La società vanta tra le proprie fila campioni italiani master. I colori sociali ufficiali sono il giallo e il blu (a bande).
Vanno infine ricordate la A.S.D. Santa Giustina San Vito (squadra di calcio fondata nel 2009), la A.C.D. Sanvitese (squadra di calcio fondata nel 1975), la A.S.D. Sant'Ermete, (squadra di calcio fondata nel 1972), la A.D.P. Virtus Olimpia (squadra di calcio fondata nel 1973) e la Pol. Dil. Canonica (squadra di calcio a 5 fondata nel 1980).

^ Inizio pagina

 

Curiosità e cifre di Santarcangelo di Romagna


Stemma Santarcangelo di Romagna Cittadini: santarcangiolesi
Superficie: 45,19 km²
Densità: 473,76 ab./km²
Altitudine: 42 metri sul livello del mare
Al confine: Savignano sul Rubicone (FC), Longiano (FC), San Mauro Pascoli (FC), Borghi (FC), Poggio Berni (RN), Verucchio (RN), Rimini (RN)
Prefisso: 0541
Cod. postale: 47822
Fuso orario: UTC+1
Targa: RN
Patrono: San Michele
Giorno festa: 11 novembre

^ Inizio pagina


Cosa cerchi?
  Mangiare a Santarcangelo di Romagna

Agriturismo
(2 risultati)

Bar e Caffè
(20 risultati)

Fast food, Piada e Pizza
(4 risultati)

Gelaterie
(3 risultati)

Ristoranti e Pizzerie
(19 risultati)

Mangiare
  Dormire a Santarcangelo di Romagna

Affittacamere
(5 risultati)

B&B
(9 risultati)

Hotel
(3 risultati)

Residence
(1 risultato)

Dormire
  Shopping a Santarcangelo di Romagna

Abbigliamento
(35 risultati)

Alimentari e Supermercati
(11 risultati)

Animali
(1 risultato)

Argenterie
(1 risultato)

Arredamenti
(3 risultati)

Articoli da regalo
(1 risultato)

Articoli sportivi
(1 risultato)

Artigianato
(2 risultati)

Biancheria casa
(2 risultati)

Biciclette
(2 risultati)

Bomboniere e Accessori
(1 risultato)

Cartolerie e Giocattoli
(2 risultati)

Calzature
(8 risultati)

Casalinghi
(4 risultati)

Concessionarie
(2 risultati)

Edicole e Giornalai
(1 risultato)

Elettrodomestici
(2 risultati)

Erboristerie
(1 risultato)

Ferramenta
(2 risultati)

Fioristi e Vivai
(4 risultati)

Macellerie
(3 risultati)

Neonati e infanzia
(1 risultato)

Oro e gioielli
(3 risultati)

Ottica
(1 risultato)

Panifici
(1 risultato)

Pasta fresca
(1 risultato)

Pelletterie
(3 risultati)

Profumerie
(1 risultato)

Sanitaria e Ortopedia
(1 risultato)

Strumenti musicali
(1 risultato)

Tabaccherie
(5 risultati)

Tappeti, Tende, Tessuti
(1 risultato)

Torrefazione caffè
(2 risultati)

Shopping
  Servizi a Santarcangelo di Romagna

Agenzie immobiliari
(5 risultati)

Agenzie viaggi
(4 risultati)

Assicurazioni
(14 risultati)

Assistenza disabili
(1 risultato)

Autoscuola
(2 risultati)

Autospurgo
(2 risultati)

Aziende agricole
(12 risultati)

Banche
(15 risultati)

Calzolai
(1 risultato)

Centri anziani
(3 risultati)

Edilizia e Costruzioni
(28 risultati)

Fabbri
(1 risultato)

Falegnamerie
(1 risultato)

Foto
(2 risultati)

Idraulici
(1 risultato)

Industria
(24 risultati)

Informatica e Web
(1 risultato)

Lavanderie
(1 risultato)

Logistica e Trasporti
(3 risultati)

Noleggio automobili
(2 risultati)

Officine e Meccanici
(13 risultati)

Onoranze funebri
(2 risultati)

Parrucchieri e Barbieri
(7 risultati)

Pubblicità
(1 risultato)

Sindacati
(3 risultati)

Stazioni di servizio
(2 risultati)

Studi commerciali
(8 risultati)

Studi dentistici
(3 risultati)

Studi di architettura
(1 risultato)

Studi legali
(3 risultati)

Studi medici
(8 risultati)

Studi tecnici geometri
(8 risultati)

Tipografie
(1 risultato)

Veterinari
(3 risultati)

Vetrerie
(3 risultati)

Servizi
  Tempo Libero a Santarcangelo di Romagna

Arte e Cultura
(3 risultati)

Centri benessere
(4 risultati)

Piscine
(1 risultato)

Sport
(2 risultati)

Tempo Libero
Promozione speciale

La città

Santarcangelo di Romagna sorge sulla Via Emilia, non distante dal confine fra Rimini
e la provincia di Forlì-Cesena.

Situata al limite della Val Marecchia, è bagnata da due fiumi: il Marecchia, che dà il nome alla valle, e l'Uso.

Il cuore del paese è Piazza Ganganelli, famosa per l'omonimo arco trionfale eretto nel 1777 dalla cittadinanza in onore di Papa Clemente XIV (1705 - 1774), nativo del posto.

La popolazione è composta da oltre 21.000 abitanti.


 
Cerca nel sito...